top of page

GIUSEPPE MULAS


ARTIST STATEMENT

Il lavoro di Mulas ha tratti autobiografici e si ispira alla vita quotidiana. In particolare alla sua recente esperienza all'inizio di quest'anno, quando ha viaggiato per quattro mesi nelle regioni amazzoniche e ha condiviso per un mese le sue abitudini ed esperienze con i membri di una comunità indigena della foresta pluviale.

 

Colpito dall'uso che gli indigeni fanno di pneumatici scartati e riciclati per creare oggetti di uso quotidiano, al suo ritorno in Italia Mulas ha creato La connessione vitale di un rampicante, una grande scultura realizzata con gomma di pneumatici riciclati. Versione contemporanea del serpente che avvolge Laocoonte, la scultura è composta da tagli di gomma a forma di scala.

 

Installata a Siracusa presso l'Antico Mercato di Ortigia, a cura di Demetrio Paparoni, La connessione vitale di un rampicante ha dato una svolta anche alla produzione pittorica dell'artista, che in diversi casi ha sostituito la tela utilizzata come supporto per i suoi dipinti con una trama realizzata con scaglie di pneumatici riciclati.

BIO

Giuseppe Mulas è nato ad Alghero nel 1995. Dopo essersi diplomato all'Istituto d'Arte Filippo Figari di Sassari, si è trasferito a Torino dove ha conseguito il master in pittura presso l'Accademia Albertina nel 2019.

 

MOSTRE PERSONALI

 

2023

S'avreschida de su sambene, Sas istellas de su coro, Mimmo Scognamiglio, Milano, IT

 

2022

All the stories of  Your Night a cura di FedericaMaria Giallombardo, Galleria InArco Torino, IT

 

2020

Sleep well Childhood a cura di Eleonora Fascetta, Galleria PeolaSimondi, Torino, IT 

 

MOSTRE COLLETTIVE SELEZIONATE

 

2023

Medea - progetto collaterale con Sergio Fermairello, Mercato vecchio di Ortigia a cura di Demetrio Paparoni, Siracusa, IT 2022

 

Intesa San Paolo Private Banking, MiArt, Milano a cura di Luca Beatrice.

 

2021

6 pittori, Museo Studio Felice Casorati, Pavarolo (TO),IT a cura di Francesco Poli

 

2020

Artissima Unplugged, GAM - Galleria Civica di Arte

Moderna e Contemporanea, Torino,/T a cura di llaria Bonacossa

bottom of page